La differenza fra Font e Typeface.

La differenza fra Font e Typeface.

Riconosco che questa potrebbe sembrare una distinzione un po’ pignola e che potrei sembrare un “nerd” ma ritengo che molto spesso questi due termini vengano confusi.

Facciamo subito ordine:

Font -> Carattere

Typeface -> Tipo di Carattere ­-> Insieme di caratteri tipografici.

Magari per un neofita che si è appena affacciato al magico mondo della grafica e della tipografia Font e Typeface potrebbero sembrare la medesima cosa.

Da un lato abbiamo i Tipi di Carattere che sono elementi tangibili, un kit di forme pre-progettate che possono essere prese e combinate per creare parole e frasi.

E dall’altro lato abbiamo i Font, elementi di puro Visual Design creati per essere utilizzati e ri-utilizzati in diverse dimensioni e formati.

Iniziamo a parlare dei Tipi di Carattere.

Furono creati in Cina intorno al 1040, da un inventore e tipografo chiamato Bi Sheng (wow mi sento Alberto Angela in questo momento)  e poi furono riproposti da Johannes Gutenberg 400 anni dopo in Germania nel XV secolo.

Gutenberg incideva le lettere in scala 1:1 e poi successivamente le forgiava utilizzando del piombo, stagno e antimonio.

Le lettere quindi venivano progettate in un unico peso, stile e grandezza.

In seguito venivano disposte all’interno di un perimetro come questo in foto per poterli fissare e successivamente inchiostrare ed imprimere sulla carta.

tipo di carattere gutenberg

Questo è stato il principale processo di stampa dal 1450 sino a gli anni ’60-’70 circa.

Negli anni ’70 i caratteri tipografici in metallo furono sostituiti da quelli fotografici, questa tecnica si chiama Fotocomposizione .

fotocomposizione tipo di carattere

Dal 1980 circa, con l’avvento della tipografia digitale si decise di utilizzare il termine americano Font.

Al giorno d’oggi abbiamo font in estensione .otf o .ttf che contengono informazioni vettoriali sulle forme delle lettere e gli spazi.

Quindi i Font sono l’evoluzione dei Tipi di Carattere.

Quando si progetta un carattere bisognare considerare che dovranno essere progettate:

  • Lettere Maiuscole
  • Lettere Minuscole
  • Caratteri Speciali
  • Numeri
  • Frazioni
  • Simboli Matematici
  • Punteggiatura
  • Caratteri Accentati Minuscoli e Maiuscoli
  • Legature

Tutto questo in almeno in tre pesi: Regular, Light e Bold.

Come tutti gli elementi di Design, i Font hanno una licenza d’uso che può variare ed è consigliato SEMPRE di acquistare i caratteri per evitare di incappare in spiacevoli conseguenze.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Hai bisogno di un logo professionale, oppure vuoi fare un Restyling di quello che già possiedi?

Approfitta del mio pacchetto “START” e risparmi sino al 70% (solo 5 posti disponibili).

Affidati ad un vero professionista e non al solito cugino di tuno.